TERME: RINNOVATO IL CCNL DEI 15 MILA ADDETTI DEL SETTORE SCADUTO DAL GIUGNO 2011

E’ stato sottoscritto oggi da Federterme/Confindustria con la Fisascat-Cisl e la Uiltucs-Uil l’accordo di rinnovo del CCNL per i 15 mila dipendenti delle aziende termali, scaduto fin dal 30 giugno 2011. La Filcams-Cgil non ha sottoscritto l’intesa, in dissenso con la nuova disciplina del trattamento economico di malattia.
“Si tratta di un rinnovo arrivato dopo oltre quattro anni di trattativa serrata, anche grazie al senso di responsabilità manifestato dalle sigle sindacali firmatarie – ha dichiarato Costanzo Jannotti Pecci, Presidente di Federterme/Confindustria – caratterizzata da numerosi stop and go in un quadro complessivo della contrattazione nel nostro Paese, che fatica a trovare punti di riferimento ed in cui il ‘fai da te’ è diventata ormai la regola.”.
“Credo di poter affermare senza tema di smentite – ha proseguito Jannotti Pecci – che il CCNL del settore termale, anche alla luce dell’intesa appena firmata, resta uno dei migliori tanto sul piano normativo che su quello economico.”.
“L’accordo – ha precisato Aldo Ferruzzi, Vicepresidente di Federteme con delega alle Relazioni Industriali – prevede l’introduzione di nuovi profili professionali e ulteriori forme di flessibilità  (lavoro extra e di surroga e nuova articolazione dei riposi domenicali) così da porre le imprese termali italiane in condizione di fronteggiare un andamento sempre più imprevedibile della domanda di cure e di benessere termali e consentire loro di competere ad armi pari con i concorrenti degli altri Paesi europei.”.
E’ stata, inoltre, razionalizzata l’intera disciplina della malattia, che presentava numerose incongruenze e sono stati apportati una serie di adeguamenti alla più recente legislazione di alcuni istituti contrattuali (congedi parentali, apprendistato).
Per quanto riguarda gli aspetti economici, le Parti hanno convenuto un aumento retributivo mensile  lordo a regime di € 90,00 (al IV livello), erogato in cinque rate con decorrenza da dicembre 2017 fino al 1° settembre 2019. E’ stata inoltre prevista un una tantum di € 100,00 a sanatoria del periodo pregresso.
Il nuovo contratto, che verrà a scadere il 30 giugno 2020 testimonia la volontà degli imprenditori termali italiani di dare comunque certezze ai propri collaboratori, pur in un panorama di riferimento in cui le difficoltà conseguenti alla recente crisi economica appaiono ancora lontane dall’essere superate.
 
Roma, 24 gennaio 2018
 
 
Per informazioni
tel. 06.8419416
 

Chi Siamo - Ricerca scientifica

Indice
Chi Siamo
Gli Organi
L'attività istituzionale
Ricerca scientifica
Attività promozionale
Tutte le pagine

Ricerca scientifica

La ricerca scientifica in materia termale costituisce una costante dell'attività della Federterme, sia diretta, nel senso della partecipazione e della collaborazione con enti riconosciuti e operanti nel settore, sia nel senso della incentivazione e della promozione della stessa presso le Aziende. Giunto a conclusione il "Progetto Naiade", che ha rappresentato il primo gradino della ricerca volta a dare ulteriore riprova scientifica della validità dei trattamenti termali, prosegue, rispetto ad esso, il monitoraggio sullo stato di avanzamento della pubblicazione dei lavori scientifici.
Sulla base di tale esperienza è stato istituito, con accordi Federterme-Regioni, il Fondo per la ricerca scientifica in materia termale al quale partecipano tutte le aziende, i cui compiti sono quelli di promuovere e sostenere l'attività di ricerca scientifica volta a verificare l'efficacia delle cure termali tradizionali; valutare il rapporto costi/benefici per il S.S.N. relativamente alle cure termali; individuare e quantificare il beneficio derivante dall'inserimento in ambito termale di trattamenti che, soprattutto nel settore della riabilitazione, in linea con le più attuali esigenze epidemiologiche, debbono ritenersi utilmente erogati in abbinamento alle terapie termali tradizionali, definendo e sperimentando mirati modelli erogativi, con riguardo anche alla crescente necessità di integrazione sociosanitaria; promuovere e sostenere ogni idonea iniziativa finalizzata a confermare l'utilità delle cure termali.
Le aziende partecipanti devolvono alle attività del Fondo, in conformità con gli accordi del 15 dicembre 1999 e del 12 febbraio 2000, un contributo di adesione, fissato nella misura dello 0,30% del fatturato lordo annuo sviluppato nei confronti del S.S.N..

FONDAZIONE.........presentazione

 



 306 visitatori online
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
statuto

Confindustria

confindustria

Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale

logo forst
logo_EBITERME_def
 
termeecamper
 
terme aperte 2016

Login - Area Riservata

Inserire il proprio nome utente e password, rispettanto i caratteri Maiuscoli/Minuscoli



Webmail

AddThis Social Bookmark Button

Version Iphone

Version Iphone by JoomTouch

Copyright © 2018 Federterme.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito