Terme di Recoaro: le offerte d’acquisto saranno esaminate entro l’11 dicembre 2015

News

alt

Ci sarà pur qualcuno - "persona fisica o giuridica, società o altri enti, in qualsiasi forma costituiti" – interessato a rilevare le Terme di Recoaro: è il presupposto da cui parte la società regionale che controlla il complesso termale, la SVEC (Società Veneziana Edilizia Canalgrande S.p.A.), che per l'occasione ha preparato un memorandum esaustivo con informazioni dettagliate sul patrimonio immobiliare del Centro termale e sulla sua situazione economica e finanziaria. Memorandum che si può leggere anche sul sito delle Terme (http://www.termedirecoaro.it/Vendita-Terme-Di-Recoaro-Srl/).
Ma al di là dei documenti informativi, alla SVEC sanno bene che la vendita dipende soprattutto dalle condizioni dell'offerta. Per questo – e considerando l'assenza a tutt'oggi di qualsivoglia concreta manifestazione di interesse per l'acquisto della struttura – i responsabili della Società regionale hanno cercato di venire incontro ai potenziali eventuali acquirenti. Come? Soprattutto con due grandi "aperture": 1. Precisando che verrà esaminata entro l'11 dicembre 2015 ogni eventuale offerta d'acquisto che dovesse pervenire alla SVEC, anche "non permettesse di realizzare interamente il valore a cui risulta iscritta la Partecipazione nel proprio bilancio sociale"; 2. Considerato che la SVEC vanta un credito in linea capitale nei confronti delle Terme di Recoaro, la società regionale "si rende disponibile a negoziare termini e modalità di rimborso".
La nascita di Recoaro come stazione termale si fa risalire all'anno 1686 quando il conte Lelio Piovene giunge a Recoaro per constatare di persona le virtù dell'acqua di sorgente che vi sgorga. Convinto da analisi chimiche e riscontri medici della potenzialità benefica dell'acqua termale, il conte si impegna a divulgarla e ad investirci sopra. Nel 1752 la sorgente Lelia, come viene battezzata in onore del conte, viene dichiarata "bene pubblico" dalla Repubblica di Venezia che avvia l'attività idroterapica e la costruzione di un primo padiglione di cura.
È questo il periodo in cui si succedono le scoperte di altre sorgenti, ben nove quelle che sono attualmente sfruttate per la terapia. Nella prima metà dell'800 Recoaro vanta già vari impianti termali ed eleganti alberghi che le conferivano il tipico aspetto di "ville d'eau". Si deve all'architetto Antonio Caregaro Negrin, nel 1873, l'unificazione delle varie sorgenti in un unico 'parco termale'.

Archivio News

 319 visitatori online
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
statuto

Confindustria

confindustria

Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale

logo forst
logo_EBITERME_def
 
termeecamper
 

Login - Area Riservata

Inserire il proprio nome utente e password, rispettanto i caratteri Maiuscoli/Minuscoli



Webmail

AddThis Social Bookmark Button

Version Iphone

Version Iphone by JoomTouch

Copyright © 2019 Federterme.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito